.
Annunci online

ALTOFORNO
il tuo sound demenziale
 
 

ALTOPOSTA
altofornoband@yahoo.it

ALTOFOTO
(quissopre)

ALTOBLOGGHE
(quissopre)

ALTOSITI
(quissopre)

ALTOTESTI
- 740
- A forza de fare lu vento
- Alice
- Ancona
- Annarosa
- Ateneo
- Bambù
- Bar Aci
- Bardascio io bardascia tu
- Bava
- Bin Laden
- Birra Corona
- Birrokkiu
- Bonanotte Alitalia
- Buonanotte budellona
- Caccole
- Carsulae è
- Chicchine
- Chilo de bollito
- Ciaurro
- Contatore
- Cpa
- Cuccureddu
- Cunijo punito
- Domenica spettrale
- Elio
- E' scappato il guerro
- Espadrillas
- Falegname
- Fanculo al presidente
- Fanghi
- Fini papà
- Forza Fere
- Fratello grasso
- Frutta secca
- Gianni
- Hanno ucciso un uomo al bagno
- I Colussi
- Il perito e il cazzone
- Il ritorno
- Io vorrei non vorrei
- I've got the Tevere in me
- L'obelisco d'Arnaldo
- La ballata dell'uomo al bagno
- La Cascata
- La cinghia stricht
- La donna e il pipino
- Lapo Elkann
- La pittrice
- La pressa
- La roba
- La terra dei carri
- Liberati
- Li chiamano gay
- Lischette
- Lou Pork Lou Pork
- Lu Cantamaggio
- Lu carrozzone
- Lugnano addio
- Lu majo
- Lu mare de Terni
- Milingo
- Mi moje non fa più il piccione
- Moltitudine
- Muccapacha
- Mullah Omar
- Ogni volta
- Oh condom
- Pacciani blues
- Pappardelle
- Pedrino y Delgado
- Perdere i capelli
- Permanente
- Piccola Lassie
- Pidocchio
- Pigmento
- Pistorius
- Porchettaro
- Porkamadoro
- P.R.
- Psycopharmer
- Quattro cane
- Quattro stagioni
- Quote latte
- Raffaello
- Rutelly Day
- San Valentino
- Sa pure di sale
- Sarà perchè è ternano
- Sarkò
- Scopone scientifico
- Scoutismo è
- Serie A
- Sgancia Linda
- Shopping in my town
- Sibbonu
- SNAI
- Solo
- Spiazzo grande
- Spigola
- Ternitudine
- Tifo per lei
- Torri
- Tressette
- Ttt - 3 turni alla "Terni"
- Un'avventura
- Under the mutand
- Un poro gatto
- Vecchiaia mia 
- Veltrone de Roma
- Ve ripijamo
- Via i Power Rangers
- Viparo
Viva la cacca


DICONO DI NOI



 



28 ottobre 2010
UNA TRACCIA

Piantala con 'sto Bunga non siamo mica ad Arcore
te 'nfratti co' le negre là li pianacci a Marmore




permalink | inviato da ALTOFORNO il 28/10/2010 alle 21:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
4 maggio 2010
ALLE MEDIE PERO' ERA UN CESSO

Interrompiamo il silenzio per comunicare che è stata trovata l'ispiratrice di Liskette e Linda. E' lei




permalink | inviato da ALTOFORNO il 4/5/2010 alle 12:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
21 aprile 2009
CLICCATE QUESTA CEPPA
 

Negli ultimi due giorni abbiamo registrato un incremento consistente e - come direbbero Lippi e Spalletti - importante degli accessi a questo blog. Il fatto è che non sappiamo spiegarne il motivo. E badate che lo diciamo come artisti, eh!



permalink | inviato da ALTOFORNO il 21/4/2009 alle 23:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
10 marzo 2009
commento:
Un sol dubbio: ma STUPRATORI è forse il contrario di RISPETTAVACCHE?



permalink | inviato da ALTOFORNO il 10/3/2009 alle 2:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
10 marzo 2009
SCIENZA:
Nuove prospettive nella guerra agli STUPRATORI: allo studio una terapia genetica a base di cellule ST'ANIMALI!



permalink | inviato da ALTOFORNO il 10/3/2009 alle 2:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
6 marzo 2009
DIZIONARIO "ZINGARELLO" della Lingua Italiana

FIONA MAY: fiorentina d'adozione, con poche speranze di diventare una donna avvenente.




permalink | inviato da ALTOFORNO il 6/3/2009 alle 2:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
5 marzo 2009
ULTIMISSIME :

(JumpotANSA): colto in flagrante mentre diffonde virus in Internet, pirata informatico rischia il linkaggio...




permalink | inviato da ALTOFORNO il 5/3/2009 alle 2:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
5 marzo 2009
ECCOMI!
Per cominciare, in quanto MEMBRO e ANIMALISTA esprimo la mia preferenza per le CONIGLIETTE di PLAYBOY (a Sanremo avrei fatto cantare loro...), anche se non mi è chiara una cosa: conigliette sì, ma anche un po' PORCELLINE. Sarà opera dell'ingegneria genetica?

                                                                                JUMPOT




permalink | inviato da ALTOFORNO il 5/3/2009 alle 2:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
19 gennaio 2009
CUNIJO PUNITO


(urlando e co' la mano a spatola sul lato destro della bocca)
Cunijo punito, te stiaffo in culo un dito
Perugia, sicuro, lo pija d'anterculo

Che c'è recà? Dovete da cantà
e parte già il coro degli Ultrà
sui pulmi noi quilli dell'Atc
gridiamo in cor “Peruggia TBC”
caricheremo sì, ritorneremo in B
con decision la conca regnerà

Daje recà, co' tutta la città
lu pane noi c'avemo d'arpijà
li derby sai li vinceremo noi
in serie A poi in Coppa delle Coppe
e dei Campioni noi battiamo il Liverpul
e ai peruggin noi scocceremo il cul

E ora un coro si alza e la curva
con voce tonante gridando Adelante!

(urlando e co' la mano a spatola sul lato destro della bocca)
Cunijo punito, te stiaffo in culo un dito
Perugia, sicuro, lo pija d'anterculo

Da cantare sulle note de "El pueblo unido" degli Inti Illimani



permalink | inviato da ALTOFORNO il 19/1/2009 alle 21:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
17 gennaio 2009
LA DONNA E IL PIPINO
La donna il pipino gli prese per mano
e lo tenne stretto fino alla sera
con la cappella rossa e una cicca in mano
l'uomo ogni tanto sganciava una pera
L'immensa asta dura sembrava arrivare
su dove l'occhio di un uomo non riesce a guardare
e tutto d'intorno non c'era nessuno
solo un denso contorno di peti e di fumo

La coppia ristette, l'atmosfera era triste
entrambi sfogliavan due pornoriviste
ma la mazza dura, la picchia bagnata
annunciavano ormai un'imminente scopata
Le donne non sanno nel loro pensiero
distinguere in fregna un cazzo da un cero
ma in quella occasione l'uomo fu onesto
e nella pisella glielo infilò lesto

Poi l'uomo disse guardando lontano
immagina questo che ti entra nell'ano
immagina i fiotti, immagina i fori
e pensa al piacere, ma pensa ai dolori
Nel tuo intestino il mio seme si perde
per due settimane tu cagherai verde
e mentre al tramonto il cielo si arrossa
la mazza mi diventa sempre più grossa

Il cazzo s'ammoscia, la donna s'incupa
e l'uomo le dice: “Ma Madonna lupa!
Ne abbiamo già fatte di cotte e di crude,
e lasciame perde chè lu picchio me prude”

La canzone da cui trae spunto questo testo è Il Vecchio e il bambino di Francesco Guccini.



permalink | inviato da ALTOFORNO il 17/1/2009 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
30 novembre 2008
OGNI VOLTA


Ogni volta che vedo un porno
ogni volta che ci faccio giorno
ogni volta che vengon le sette
me so tirato quattro pugnette
ogni volta che tu non ci sei
di sicuro te lo appoggerei
ogni volta...

Ogni volta che ce penso
che l'hai data anche a Don Renzo
ogni volta me fa senso
quella puzza tua d'incenso
Sei una brava chierichetta
... parte già n'andra pugnetta
ogni volta... che vedo una tetta

E ogni volta che si espande
qualche volta anche tra la gente
ogni volta che ce l'ho duro
perchè sto pensando a te
ogni volta sul bidet
mentre me lo sciacquettando
ogni volta che leggo
Lando

E ogni volta che non c'entra
ogni volta che si addentra
ogni volta che lo stringi
ogni volta che dopo piangi
ogni volta che lo mungi
ogni volta che lo mangi
ogni volta che me la sganci

Il titolo della canzone è lo stesso, ma il
testo è un'altra cosa.



permalink | inviato da ALTOFORNO il 30/11/2008 alle 22:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
30 novembre 2008
LU MAJO



Lu lavoro me sfianca
andru che llà la banca
e ce sudo e ce piagno
se 'n ce sto co' lu cranio
'che dito me sfragno

Sai che faccio li turni
quasi tutti li giorni
e anche li straordinari
ma co' li sindacati
je busso a denari

E me ricordo mi nonno là lu bocciodromo
co' l'andri operaji e la moji a ballà
invece adesso ce stonno 'sti bardascettacci
con 'n pallone sull'erba sindedica a scorrazzà

Lu sendi il majo BUM BUM
batte il majo BUM BUM
e la città tremava le recchie sturava
E adesso BUM BUM
il majo non c'è BUM BUM
lu simbolo è in cantina, un ricordo de prima
ma c'è proprio drento de me
una gran stizza perchè
lu vojo arvedè
che va su e che poi arvene giù
una botta e poi BUM
che stiaccia un palazzo
e qualche testa de cazzo

Co' le turbine a Galleto
ecco l'acciaio forgiato
doppu lu turno de notte
quanno l'alba arrivava
mi nonno dormiva

C'emo 'na gran tradizione, e così
una capoccia a melone, ma sì
vole portare lu majo,
lui che è perugino,
la ppe la stazione

Cuscì se qualche cunijo che scende dal treno
arza la faccia per aria e se lo mette a guardà
je consijamo de staje piuttosto lontano
chè 'na lastra de lamierino po' diventà

Lu sendi il majo BUM BUM
batte il majo BUM BUM
e la città tremava le recchie sturava
E adesso BUM BUM
il majo non c'è BUM BUM
lu simbolo è in cantina, un ricordo de prima
ma c'è proprio drento de me
una gran stizza perchè
lu vojo arvedè
che va su e arvene giù
una botta e poi BUM
che stiaccia un palazzo
e qualche testa de cazzo

La musica è quella della
canzone di Irene Grandi (che faceva anche la pornoattrice con il nome - lo ricordiamo per i più distratti - di Imene Glandi)




permalink | inviato da ALTOFORNO il 30/11/2008 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
20 novembre 2008
LA PITTRICE



La senti sul pene una strana pressione
qualcosa che stringe il pistone
è la dolce Manola che ti dice d'un fiato
che ormai lo sburro è arrivato

E' quasi mezz'ora che tu fai su e giù
ormai non ne puoi proprio più
Il tuo cazzo è eretto, tu sei sopre al letto
gli schizzi arrivan sul tetto

Sulla scrivania, sui libri di scuola
sul gatto è arrivata la sbora
il bianco lenzuolo ha ormai colorato
peccato era appena lavato

Sui piatti in cucina e sulla vetrina
ovunque non nella latrina
Manola è un'artista lei sa pitturare
ma soltanto il bianco può usare

Ormai casa è appiccicosa
ma hai ancora una voglia smaniosa
in mezzo a quel bianco riinizi a pompare
ma ormai non ce la puoi più fare

Sei stanco e afflosciato, il cazzo è ammosciato,
le forze hai ormai terminato
ti guardi piangendo la punta del pene
... non viene, non viene, non viene!

Da cantare sulle note di Quello che non di Francesco Guccini.




permalink | inviato da ALTOFORNO il 20/11/2008 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
2 novembre 2008
VE RIPIJAMO


Ma do' cazzo annate?
Ariretrocedete!
Sicche bottu che farete!

A noi ce vene da ride
che appena l'andranno
stavate pensanno
a la coppa uefa
lu sangue se 'ntrofia
se penso a Gaucci
seduto alla norde
diceva che Bucci
sarebbe bastato
pe' lu campionato

Ve ripijamo

So come hai fatto a arrivacce
vendendo ronzini
stavorda i quattrini
non sono bastati
ve sete artrovati
già mezzi salvati
emo detto pazienza
ma poi la sentenza
sarà 'na scemenza
ma ha detto Piacenza

Ve ripijamo

Ma lu problema è 'n andro
noi annamo su sicuro
a voi ve tocca annà in C1

Sai che 'stu faccia da Galex
al campo de Alviano
l'ha visto un ternano
che ha sparso la voce
non ce damo pace
che quistu c'arprova
a aprì lu negozio
per noi dura poco
dovunque lo apra
noi je damo foco

je lu bruciamo
si', proprio noi, solo noi
je lu bruciamo.

Una vecchia canzone, forse - per i riferimenti a Gaucci, al Piacenza e agli spiacevoli episodi di Alviano - un po' datata, ma che sa toccare pur sempre le giuste corde. Un grazie di cuore ad
Adriano Pappalardo.



permalink | inviato da ALTOFORNO il 2/11/2008 alle 7:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
2 novembre 2008
VECCHIAIA MIA


Sento la nostalgia del passato
mentre il presente già me so' scordato
rivedo ancora la vecchia casa mia
ma non ritrovo la strada de quella do' vivo da 20 anni in qua

Vecchiaia mia un di' ero un fiore
me so' ridotto col mal de core
e se ripenso ch'ero un atleta
vorrebbe smette tutta 'sta dieta
Vecchiaia, vecchiaia mia
io non so più che campo a fa'.

Dice il dottore che pe' la pressione
devo pijà le gocce a colazione
pe' l'asma c'ho lu spray, poi pe' l'acciacchi
faccio la ionoforesi, ma da un po' de mesi c'ho un altro problem

Vecchiaia mia tribolazione
me tocca mette lu pannolone
c'ho le giornate scandire a orario
secondo i tempi del ricettario
Vecchiaia, vecchiaia mia
io non so più che campo a fa'.

Mi fija un bel pupetto ha messo al monno
c'ha 'na gran somijanza co' lu nonno
nel viso sua me vedo rincarnato
me pare d'esse rinato pe' arcomincià il giro 80 anni de più

Vecchiaia mia io t'ho compresa
so' il primo tempo, lui è la ripresa
ma l'intervallo lasciame in dote
pe' coccolamme quistu nipote
Vecchiaia, vecchiaia mia
vengo fra un po', mo c'ho da fa'.

Questa dovrebbe esse una canzone edificante e co' la morale. Da cantà su le note de
Romagna mia.



permalink | inviato da ALTOFORNO il 2/11/2008 alle 7:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
2 novembre 2008
FRUTTA SECCA

Ricordi, capavi le nocchie
con le dita cicciotte
non ce la facevi mai, mai e poi mai
Vorrei darti ora du' brustolini
ma te magni la coccia
chè la panza, fija mia, te se scoccia
Un'incartata de mosciarelle c'hai
però purtroppo mangiarle tu non potrai
so' dure come 'n sasso

E quando ti troverai in mano
pistacchi avariati
tu, tu non li digerirai, mai e poi mai
ma non hai voglia di frutta secca ormai
dietro la curva ce stà la porchetta dai
è quella de Giuncano

Che poi sarebbe Canzone dell'amore perduto.



permalink | inviato da ALTOFORNO il 2/11/2008 alle 7:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
25 ottobre 2008
MOLTITUDINE

ATTENZIONE: canzone per palati forti

Tienilo vicino questa specie de bambino
e resta a manovrare questo cero sull'altare
Lasciati irrorare dal mio umore seminale
t'ho già messo in culo un dito, ma non so se l'hai sentito
Prendilo così piano piano tra le natiche
per lasciarlo poi venire dentro te
Stringilo così dolcemente tra i capezzoli
altrimenti non potrebbe issarsi mai
... se trastulli un po' 'sta fava sentirai.

Fa che sul tuo viso uno scroscio all'improvviso
asciughi tutti i punti neri che te so' venuti fori
Lascio il tuo didietro tra i rumori del tuo peto
lesto irrompo nella fica ed in men che non si dica
te la sfonderò come il vento scacchia gli alberi
per lasciarti infervorata sul bidè
non mi dire no, dai fornisci la tua valvola
a pi greco mezzi io ti metterò
e inserirò questo spillone “taglia unica”
solo così potrò gonfiare
quella camera d'aria chiusa dentro di te...

Te la sfonderò come il vento scacchia gli alberi
per lasciarti infervorata sul bidè
non mi dire no, dai fornisci la tua valvola
a pi greco mezzi io ti metterò
e inserirò questo spillone “taglia unica”
ed immetto dentro te moltitudine

Il testo originale è - se ve lo ricordate - di Anonimo italiano.




permalink | inviato da ALTOFORNO il 25/10/2008 alle 8:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
18 ottobre 2008
PICCOLA LASSIE


Un perfido cane con morso deciso
tutto d'un tratto la mia palla ha reciso
ero un rottweiler oppure un mastino
ricordo soltanto che non era un “volpino”
c'aveva la bava lì in mezzo a li denti
de punti ne metto non meno de venti


Ahi ahi, piccola Lassie
Ahi ahi, no non tirassi
Ahi ahi ahi

Piccola Lassie correva sul prato
con il cojone appena stuccato
dal padroncino seduto su 'n tufo
che aspetta impaziente un nero tartufo
piccola Lassie è nero di certo
ma del tartufo è molto più gnerto

Ahi ahi, piccola Lassie
Ahi ahi, non masticassi
Ahi ahi ahi

La piccola Lassie ora muove la coda
il bimbo la guarda, l'abbraccia e la loda
non conoscendo il misfatto commesso
Paolino ricorda il premio promesso
ma si è scordato quel tozzo di pane
e dà come cibo la palla a lu cane

Ahi ahi, piccola Lassie
Ahi ahi, non la tritassi
Ahi ahi ahi

Questo testo si canta su
Piccola Katy dei Pooh



permalink | inviato da ALTOFORNO il 18/10/2008 alle 14:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
15 ottobre 2008
"LU PORSCHE IO LO VOLEVO, M'HA DETTO 'ZITTU! ACCONTENTATE DEL ROMBO DE STO APITTU"


Tu considera che sull'argomento Lou Boccia nel '91 ce scrisse 'na canzone (musica "Pablo" de De Gregori). Quillu qua sopre è lu manoscritto.



permalink | inviato da ALTOFORNO il 15/10/2008 alle 18:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
14 ottobre 2008
NON E' UN FOTOMONTAGGIO
 



permalink | inviato da ALTOFORNO il 14/10/2008 alle 20:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio       
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 430164 volte