.
Annunci online

ALTOFORNO
il tuo sound demenziale
 
 

ALTOPOSTA
altofornoband@yahoo.it

ALTOFOTO
(quissopre)

ALTOBLOGGHE
(quissopre)

ALTOSITI
(quissopre)

ALTOTESTI
- 740
- A forza de fare lu vento
- Alice
- Ancona
- Annarosa
- Ateneo
- Bambù
- Bar Aci
- Bardascio io bardascia tu
- Bava
- Bin Laden
- Birra Corona
- Birrokkiu
- Bonanotte Alitalia
- Buonanotte budellona
- Caccole
- Carsulae è
- Chicchine
- Chilo de bollito
- Ciaurro
- Contatore
- Cpa
- Cuccureddu
- Cunijo punito
- Domenica spettrale
- Elio
- E' scappato il guerro
- Espadrillas
- Falegname
- Fanculo al presidente
- Fanghi
- Fini papà
- Forza Fere
- Fratello grasso
- Frutta secca
- Gianni
- Hanno ucciso un uomo al bagno
- I Colussi
- Il perito e il cazzone
- Il ritorno
- Io vorrei non vorrei
- I've got the Tevere in me
- L'obelisco d'Arnaldo
- La ballata dell'uomo al bagno
- La Cascata
- La cinghia stricht
- La donna e il pipino
- Lapo Elkann
- La pittrice
- La pressa
- La roba
- La terra dei carri
- Liberati
- Li chiamano gay
- Lischette
- Lou Pork Lou Pork
- Lu Cantamaggio
- Lu carrozzone
- Lugnano addio
- Lu majo
- Lu mare de Terni
- Milingo
- Mi moje non fa più il piccione
- Moltitudine
- Muccapacha
- Mullah Omar
- Ogni volta
- Oh condom
- Pacciani blues
- Pappardelle
- Pedrino y Delgado
- Perdere i capelli
- Permanente
- Piccola Lassie
- Pidocchio
- Pigmento
- Pistorius
- Porchettaro
- Porkamadoro
- P.R.
- Psycopharmer
- Quattro cane
- Quattro stagioni
- Quote latte
- Raffaello
- Rutelly Day
- San Valentino
- Sa pure di sale
- Sarà perchè è ternano
- Sarkò
- Scopone scientifico
- Scoutismo è
- Serie A
- Sgancia Linda
- Shopping in my town
- Sibbonu
- SNAI
- Solo
- Spiazzo grande
- Spigola
- Ternitudine
- Tifo per lei
- Torri
- Tressette
- Ttt - 3 turni alla "Terni"
- Un'avventura
- Under the mutand
- Un poro gatto
- Vecchiaia mia 
- Veltrone de Roma
- Ve ripijamo
- Via i Power Rangers
- Viparo
Viva la cacca


DICONO DI NOI



 



25 maggio 2006
KHORAKHANE' (a forza di fare lu vento)



La canzone è KHORAKHANE' - a forza di essere vento. Solo che il testo vero Fabrizio De Andrè lo scrisse di getto dopo aver ricevuto la sgradita visita di un rom dalle dita celesti che gli ripulì l'argenteria e gli portò via financo Dori Ghezzi. Gli Altoforno sono venuti fortunatamente in possesso di quelle vecchie rime e adesso le pubblicano qui. De Andrè, come tutti sapete, preoccupato di tener fede alla sua immagine di anarchico buono, uscì con un testo sensibilmente diverso nella forma e nella sostanza. Dal vecchio - lo potete vedere leggendolo - scaturisce un insospettabile animus giustizialista che spiazza irrimediabilmente e definitivamente tutti i suoi fans. Tra cui gli Altoforno stessi.

Il cuore rallenta la testa cammina
in quel pozzo di piscio e cemento
a quel campo strappato dal vento
a forza di essere vento

porto il nome di tutti i battesimi
ogni nome il sigillo di un lasciapassare
per un guado una terra una nuvola un canto
un diamante nascosto nel pane

per un solo dolcissimo umore del sangue
per la stessa ragione del viaggio viaggiare

Il cuore rallenta, la testa si gira
e nel buio un lampo argentato
è il molare di un rom poco italiano
dal solaio repente lui è entrato

sai ch’io sono il poeta degli ultimi
ma ti dico ‘sti qua sono stati dei fulmini
e chiunque al diritto di proprietà è sordo
ai miei occhi è soltanto un balordo

quei macedoni amavano l’argenteria 
Dori Ghezzi e Cristiano si portano via  

Hanno preso anche il pony di Geordie
Marinella, il gorilla ed il Piero
e sapevan che eran ricordi
con ‘sti stronzi io sarò severo

Quindi esco nei miei cento acri
col calesse scassato ormai senza sedile
Il mio Pegaso apre le narici alacri
e io imbraccio il fucile

Ora alzatevi pezzi di merda
con voi non ho finito neanche per il cazzo
ho una cura medievale per i vostri culi
fottutissimi bastardi balcanici

Sai che questo vuol dire rubare
caro il mio zingarello io ti vengo a cercare
e ti stacco quel lobo brunito dal sole
solo un poco e senza rancore

perché sai che son stato il poeta dei poveri
un anarchico buono che sa fare rimproveri

Cvava sero po tute i kerava
jek sano ot mori i taha jek jak kon kasta
vasu ti baro nebo avi ker
kon ovla so mutavia kon ovla
ovla kon ascovi
me gava palan ladi me gava
palan bura ot croiuti

(Traduzione
Fabrizio De Andrè:
“Veni qua e prega li santi
Devi annà a lavorà i campi”
Rom poco italiano:
“Vacce te, ma che te canti
lla chitarra che te se schianti”
)




permalink | inviato da il 25/5/2006 alle 7:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        novembre
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte