.
Annunci online

ALTOFORNO
il tuo sound demenziale
 
 

ALTOPOSTA
altofornoband@yahoo.it

ALTOFOTO
(quissopre)

ALTOBLOGGHE
(quissopre)

ALTOSITI
(quissopre)

ALTOTESTI
- 740
- A forza de fare lu vento
- Alice
- Ancona
- Annarosa
- Ateneo
- Bambù
- Bar Aci
- Bardascio io bardascia tu
- Bava
- Bin Laden
- Birra Corona
- Birrokkiu
- Bonanotte Alitalia
- Buonanotte budellona
- Caccole
- Carsulae è
- Chicchine
- Chilo de bollito
- Ciaurro
- Contatore
- Cpa
- Cuccureddu
- Cunijo punito
- Domenica spettrale
- Elio
- E' scappato il guerro
- Espadrillas
- Falegname
- Fanculo al presidente
- Fanghi
- Fini papà
- Forza Fere
- Fratello grasso
- Frutta secca
- Gianni
- Hanno ucciso un uomo al bagno
- I Colussi
- Il perito e il cazzone
- Il ritorno
- Io vorrei non vorrei
- I've got the Tevere in me
- L'obelisco d'Arnaldo
- La ballata dell'uomo al bagno
- La Cascata
- La cinghia stricht
- La donna e il pipino
- Lapo Elkann
- La pittrice
- La pressa
- La roba
- La terra dei carri
- Liberati
- Li chiamano gay
- Lischette
- Lou Pork Lou Pork
- Lu Cantamaggio
- Lu carrozzone
- Lugnano addio
- Lu majo
- Lu mare de Terni
- Milingo
- Mi moje non fa più il piccione
- Moltitudine
- Muccapacha
- Mullah Omar
- Ogni volta
- Oh condom
- Pacciani blues
- Pappardelle
- Pedrino y Delgado
- Perdere i capelli
- Permanente
- Piccola Lassie
- Pidocchio
- Pigmento
- Pistorius
- Porchettaro
- Porkamadoro
- P.R.
- Psycopharmer
- Quattro cane
- Quattro stagioni
- Quote latte
- Raffaello
- Rutelly Day
- San Valentino
- Sa pure di sale
- Sarà perchè è ternano
- Sarkò
- Scopone scientifico
- Scoutismo è
- Serie A
- Sgancia Linda
- Shopping in my town
- Sibbonu
- SNAI
- Solo
- Spiazzo grande
- Spigola
- Ternitudine
- Tifo per lei
- Torri
- Tressette
- Ttt - 3 turni alla "Terni"
- Un'avventura
- Under the mutand
- Un poro gatto
- Vecchiaia mia 
- Veltrone de Roma
- Ve ripijamo
- Via i Power Rangers
- Viparo
Viva la cacca


DICONO DI NOI



 



15 febbraio 2007
FALEGNAME
Falegname con la testa perché fai den den
Con la mano su quel fallo perché fai fren fren
Tu te tiri le pugnette io non te la do
Ma quei calli sulle mani poi ti curerò

Mio pisello non colpisce fregna tua non bagna
Mamma mia se me ne vengo ce riempo una stagna
Poi la metto giù in cantina vicino alla legna
E domenica mi nonna ce fa la lasagna

Ma le picchie addormentate di questa città
Troveranno un bel bastone che le sturerà
Falegname su quel fallo quanti calli ormai
Quanto ancora con le seghe lo assottiglierai

Alle piaghe e alle ferite che sul fallo fai
Falegname su quest’asta manca il sangue ormai
Perché urli disperato con la propria voce
Ma perché mannaggiannonna non me lasci in pace

Questa cippa sempre tesa mi da un po’ dolore
Sarà certo un po’ la colpa anche del suo rossore
C'ho una lacrima sull’occhio me vene da piagne
Se continuo de 'sto passo ce riempo dù stagne

Dalla piana alla montagna sale il tuo den den
Su lu piatto de lasagna il frutto del fren fren
Qualche picco di dolore sul tuo fallo inquieto
Mentre soffia sui coglioni il rombo del tuo peto.

Il testo è di De Andrè, anzi di un vangelo apocrifo



permalink | inviato da il 15/2/2007 alle 22:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte