.
Annunci online

ALTOFORNO
il tuo sound demenziale
 
 

ALTOPOSTA
altofornoband@yahoo.it

ALTOFOTO
(quissopre)

ALTOBLOGGHE
(quissopre)

ALTOSITI
(quissopre)

ALTOTESTI
- 740
- A forza de fare lu vento
- Alice
- Ancona
- Annarosa
- Ateneo
- Bambù
- Bar Aci
- Bardascio io bardascia tu
- Bava
- Bin Laden
- Birra Corona
- Birrokkiu
- Bonanotte Alitalia
- Buonanotte budellona
- Caccole
- Carsulae è
- Chicchine
- Chilo de bollito
- Ciaurro
- Contatore
- Cpa
- Cuccureddu
- Cunijo punito
- Domenica spettrale
- Elio
- E' scappato il guerro
- Espadrillas
- Falegname
- Fanculo al presidente
- Fanghi
- Fini papà
- Forza Fere
- Fratello grasso
- Frutta secca
- Gianni
- Hanno ucciso un uomo al bagno
- I Colussi
- Il perito e il cazzone
- Il ritorno
- Io vorrei non vorrei
- I've got the Tevere in me
- L'obelisco d'Arnaldo
- La ballata dell'uomo al bagno
- La Cascata
- La cinghia stricht
- La donna e il pipino
- Lapo Elkann
- La pittrice
- La pressa
- La roba
- La terra dei carri
- Liberati
- Li chiamano gay
- Lischette
- Lou Pork Lou Pork
- Lu Cantamaggio
- Lu carrozzone
- Lugnano addio
- Lu majo
- Lu mare de Terni
- Milingo
- Mi moje non fa più il piccione
- Moltitudine
- Muccapacha
- Mullah Omar
- Ogni volta
- Oh condom
- Pacciani blues
- Pappardelle
- Pedrino y Delgado
- Perdere i capelli
- Permanente
- Piccola Lassie
- Pidocchio
- Pigmento
- Pistorius
- Porchettaro
- Porkamadoro
- P.R.
- Psycopharmer
- Quattro cane
- Quattro stagioni
- Quote latte
- Raffaello
- Rutelly Day
- San Valentino
- Sa pure di sale
- Sarà perchè è ternano
- Sarkò
- Scopone scientifico
- Scoutismo è
- Serie A
- Sgancia Linda
- Shopping in my town
- Sibbonu
- SNAI
- Solo
- Spiazzo grande
- Spigola
- Ternitudine
- Tifo per lei
- Torri
- Tressette
- Ttt - 3 turni alla "Terni"
- Un'avventura
- Under the mutand
- Un poro gatto
- Vecchiaia mia 
- Veltrone de Roma
- Ve ripijamo
- Via i Power Rangers
- Viparo
Viva la cacca


DICONO DI NOI



 



27 novembre 2006
Gli Altoforno se la suoneranno e se la canteranno il 16 dicembre all'Abacab e il 22 dicembre al Don Carlos.

... c'è chi, incurante della sua posizione a passu de cane, intende avere un posto proprio sotto il palco...



permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 22:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
LIBERATI




Arriva Libero in sella alla sua moto
da lu sterzu stacca anghi le mani
Lui sta piegato sopre lu serbatoio
e a Papigno fa abbajà li cani.
E poi lu vedi come piega llà le curve,
sull'asfardo le scintille
Ma guarda sicchè impennata
Tuttu lu pubblico sbava

Ecco che abbocca llà la Valnerina,
giù la rota il copertone fuma
E da lu rombo li denti lui te crina,
sgassa Libero, la moto sdruma!
Non vedi sicchè ternano
te vince lu campionato
la coppa in mano

Liberati, Liberati. Dava su le recchie a tutti quanti
Liberati, Liberati. Lui guidava pure senza guanti
Liberati, Liberati. E' ternano, nun ce stanno santi

Ma alla fine, un tragico destino
andava a Arrone, mica su Marte
E sull'asfardu ce stea lu breccino,
llà 'na curva la Gilera parte
Sulla sella era un diavolo,
lui non s'era fatto mai male.
Ma guarda sicchè sgommata,
la moto s'è incappellata,
la rota sbiellata

Liberati, Liberati. Dava su le recchie a tutti quanti
Liberati, Liberati. Lui guidava pure senza guanti

Liberati è qui. Liberati è qui.
Lui nun po morì, Lui nun po morì.
Liberati è qui.

Lui guida ancora la Gilera
su lu manubrio 'na bandiera
lu drago nostru che vincerà
pure le gare dell'Aldilà
Libero, daje, facce sognà
una vittoria pe' 'sta città,
la pista dovemo da magnà;
dài Libero, artorna qua
dài Libero, artorna qua

Il testo vero di Biagio Antonacci iniziava con "signor capitano", ma faceva un po' acqua da tutte le parti.




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
LA CASCATA


Oggi lo zio Giangy che risiede all'Idroscalo
viene dal cognato Giamminonni Alvaro.
Mo do' cazzo lo portamo? Su la Croce 'n ce se va
qui fa un callo che se schiatta, rischia de crepà
Lo faccio montà su la Prisma
Dove che vuoi annare, mio caro zio?
Causulae l'hai già visitata
la Cascata no”.

L'acqua vene giù, scrosciava
e la strada poi bagnava
Guardala perchè è la Cascata yeah”
Pijo pe' la Valnerina,
Collestatte e Torre Orsina
Me rintorno chè me so' sbajato yeah

Lo sai che il mago Haldin s'è buttato da lassù,
sotto fanno il rafting, vuoi provarlo tu?”
Te s'è fatta fame, alla porchetta fai la posta
sì proprio de Milano, butti via la crosta

L'acqua vene giù, fa du' zompi
e ti senti come al cinema
Poi ti sporgi dal belvedere
occhio a non cascà

L'acqua vene giù, fiotta, piscia
tu me dici che è ridicola
Io t'allento uno sbarbazzone
e tu caschi giù

Caschi sopre lu canotto
stiacci la merenna a un potto
no, nun poi toccamme la Cascata yeah

Essa a noi ce dà la luce
me fa specie che 'n te piace
zittu sa' perchè è la Cascata yeah

La canzone era Tropicanaiè e vi si dicevano cose tipo "San Josè" e "Radio Cuba"




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
I'VE GOT THE TEVERE IN ME


Nasco da lu Monte Bove e poi me fionco de llà
divento grosso se piove, sai che te dico recà?

I've got the Tevere in me, tu devi credere in me,
perchè c'è il Tevere in me, parcheggio il Tevere in me

No, io non sono affluente del fiume Tevere, no
sono predominante, io le mie acque non do

I've got the Tevere in me, tu devi credere in me,
forse c'è il Tevere in me, perchè c'è il Tevere in me

Trote, quante ne voli
venti, va llà a Scheggino
peschi col cucchiarino, scì, ma guarda 'n bo'

Acqua, sì quanto è diaccia
Zolfo,llà ppe Triponzo
Rafting co' lu canotto, no, ma levete 'n bo'

Nasco umbro de cippo e sono Celto di ciò
lungo la via non intoppo, non sono grande però
I've got the Tevere in me, tu devi credere in me,
perchè c'è il Tevere in me, parcheggio il Tevere in me

Passa nel perugino
bagna Rocky Marsciano
etrusco è il suo cammino, scì, non te fidà
Lui è calmo ed io so' gnerto
corro con flusso certo
che ganzo 'stu concerto

Me zompa sopre il Velino e fino a Orte sto all'erta
ce l'ho col fiume cugino perchè c'ha un alveo de merda

I've got the Tevere in me, tu devi credere in me,
perchè c'è il Tevere in me, parcheggio il Tevere in me

Che poi, sì, caro Zucchero Fornaciari, il Tevere in quanto fiume cugino è un po' come fosse un diavolo




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
IL RITORNO

Sordi spicci, quattro sgoji, tufo e sanpietrino
tocca scaricà la Sammartino (Alè-oo)
Me so' messo a puso su la Norde, porco cane,
doppo quattro mesi d'ospedale.
C'ho ancora i merchi qui ddietro la schina
non so' tornato più come ero prima
mozzichi, stiaffi e pistate de palle,
momenti ce lascio la pelle
e finalmente ecco il ritorno a da Torino
sta arrivanno lu tifoso juventino
e rissa sarà! Mo te ne penti!

Te svago li denti, te svago li denti se abbocchi qui
non te scordassi che so' sempre quillu
che dietro se porta lu cricche
Qui stemo a Terni, forse tu ancora nun ce lu sai
ma da 'sto stadio non scapperai mai

C'emo solo l'acciaio,
ma 'na scoria te po' sgarrà
se te jappa de tajo

Partono le Fere a centrocampo co' Traini,
partono li primi sanpietrini (te cojo mo)
Vedo un celerino che me punta da lontano
c'ha lu manganellu su le mano
Brutto 'mbecille, ma che cazzo fai?
Mica sì pacio non ce proverai?”
Prima me gonfia, me sembro un canotto
poi pija e me butta de sotto...
... e mentre scatta un contropiede con Furino
me ritrovo proprio in piena Sammartino
Ma guardali un bo'... so' centoventi!!!

Me svagano i denti, me svagano i denti, già ce lu so
quattro zampate, du' tre tortorate, ce piagno ma io nun me do
Urla e lamenti, tanti cazzotti non l'ho presi mai,
menano forte alla Fiat l'operai...

Mo sto in rianimazione,
non m'arcuce manco Armillei
e de gare ne zompo
almeno sei...

Canzone (pessima) degli Audio 2. Come chi sono?




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
SERIE A





La stazione, capocollo, fave e pecorino,
giocano le Fere su a Torino (alè-oo)
C'è Crivelli, Rosa, Mastropasqua e anche Benatti
alla corte di mister Viciani

C'ho la bandiera co' lu cuscinetto,
guarda che fila pe' fa lu bijetto
se non me movo io perdo l'espresso,
fanculo io monto lo stesso
e tutt'a un tratto me se fiara il controllore
Esibisca il suo tagliando per favore”,
Ma io non ce l'ho, campo de stenti”

Te svago li denti
Te svago li denti se artorni qui
noi semo quelli che non je dovete
da rompere troppo lu cazzo
Semo violenti
centro lu zaino c'emo lu cric
come lo usiamo lo puoi immaginare

... noi non semo normali
in trasferta annamo a allungà
le fedine penali...

Quanta gente al Comunale, me cce sento male,
dalla curva un “forza fere” sale (e daje mo)
passano l'ometti coi lupini e li semetti
Capo! Quanto vene lu Borghetti?”
Tremilalire, che cazzu te credi?
Ma che te pare che dormo da piedi?”
Pijo l'amaro, je sterzo 'n biscotto
non pago e lu butto de sotto

e mentre Bettega realizza in rovesciata
llà le costole m'arriva 'na legnata
e rissa sarà!
Mo ne cce senti!

Te svago li denti,
bruttu pezzente trapiantato qui
anche se sto fori casa
non c'ago paura e te do co' lu cric
Che fai t'offendi?
Guarda che in fonno stavo a scherzà
tre contro uno non vale, fa male...
Mo sto qui all'ospedale, porca troia dovrò zompà
almeno tre o quattro gare... de serie A.

Canzone (pessima) degli Audio 2. Come chi sono?




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
LA CINGHIA STRICHT


Controlliamo l'inflazione, basso è il costo del denaro
e scompare ogni nazione, è l'Europa il nuovo faro.
Anche se abbiamo il disavanzo e il debito pubblico è molto alto,
consumiamo lo stesso il pranzo, ancora il pasto non lo salto

Viva Maastricht, la cinghia stricht

Andiamo verso il riallineamento, certo il cambio è fluttuante,
io di questo non mi pento, ma son rimasto senza mutande.
Non avremo più frontiere, il soldo gira liberamente,
ma se vai a comprar le pere il portafoglio ne risente.

Viva Maastricht, la cinghia stricht

Stemo tutti disoccupati, semo pure preoccupati,
de sto' passo la pesnione ce la danno su lu groppone.
Sta crescendo la produzione, ma non certo l'occupazione
e anche se è caduto il muro ce la pijamo tutti là 'nderculo

Viva Maastricht, la cinghia stricht

E allora, forza, privatizziamo, il mercato è globalizzato
all'est le fabbriche portiamo, noi snelliamo questo Stato.
Non beviamo più il chinotto, importiamo la papaja,
il bisogno è solo indotto, ma la gente è molto gaia

Viva Maastricht, la cinghia stricht

Mannaggia al Fondo Monetario co' tutti i vertici G7,
co' lu sgravio finanziario ce facemo le pugnette.
E' aumentata la benzina, a me lu core non me regge
emigro ai monti domattina con di pecore un bel gregge.

Viva Maastricht, la cinghia stricht

La canzone è Inno Nazionale di Luca Carboni



permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
LA BALLATA DELL'UOMO AL BAGNO



Dica, sior controllore, dov'è la ritirata
Veda, sior controllore, me scappa 'na cacata
La sento sulla punta dell'orifizio anale
mi pressa l'intestino, la panza me fa male

E noi stiamo tutti in fila davanti al bagno,
se provi a passamme avanti te scoccio il grugno
De merda dentro la panza ce n'emo un secchio
è un'ora che sto qui in fila, ce sto diventanno vecchio
E prima della stazione avrò sganciato uno scurreggione
e avrò buttato giù lu portone dell'uomo al bagno

Io sono il capotreno e c'ho lu cacarone
io sono il capotreno, lu culo è un peperone
Sul rapido io sfeccio, me serve un estintore,
annatevene tutti, tornate tra du' ore

E noi ritorniamo in fila davanti al cesso,
qualcuno apre il finestrino e piscia lo stesso
Io vedo due chiappe bianche nello scomparto,
c'è uno che caga in terra e a piedi pari lo sardo
E lungo la ferrovia si sta espandendo una grossa scia,
me la so' fatta sotto per colpa dell'uomo al bagno

Canzone di Francesco De Gregori




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
I COLUSSI



Nel thè o nel caffè nero, latte intero o parzialmente scremato
tu puoi intingere un frollino che fa d'oro ogni mattino;
dài su svegliati, bambino, bel bambino, bel bambì...

Siamo i Colussi, siamo i Colussi, i buoni frollini
siamo la gioia, siamo la gioia di tutti i bambini
A noi ci mangiava il tuo bisnonno
siamo i biscotti più antichi del mondo
siamo i Colussi

Siamo i Colussi, siamo i Colussi, la tua colazione.
Meglio dei Corn Flakes, del Buondì Motta, di Yomo e Danone;
li puoi spalmare con la Nutella,
ma fossimo in te snobberemmo anche quella
siamo i Colussi

Il Kinder Bueno ci spara una pippa
ed il Plumkake ci sta un poco sulla cippa;
dài non mangiare più i Tarallucci
se non vorrai fare quattro gattucci

Siamo i Colussi, siamo i Colussi, i buoni biscotti
Pancia riempiamo, pancia riempiamo, e spari due rotti.
Abbiamo nutrito generazioni,
perciò non ci rompere coi Lazzaroni
siamo i Colussi

Nel thè o nel caffè nero, latte intero o parzialmente scremato
tu puoi intingere un frollino che fa d'oro ogni mattino;
dài su svegliati, bambino, bel bambino, bel bambì...

Siamo i Colussi, siamo i Colussi, impasto croccante.
Il Mulino Bianco, Mulino Bianco ce sembrano ghiande.
Dài, bel bambino, sgranocchiaci presto, butta via gli altri
fai questo gesto
siamo i Colussi
Della tua infanzia noi siam la bandiera,
getta nel secchio quei Galbusera
siamo i Colussi
Siamo fragranti, siamo cortesi,
con noi cresci meglio che coi Pavesi
siamo i Colussi

... ma un'avvertenza s'impone, bambini:
stateci attenti, siam perugini
siamo i Colussi

Sulle note de I Watussi.




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
QUATTRO STAGIONI



Ce sta una spasa verde do' ce vai co' la bardascia
e te porti lu pallone, queste so' le prata de Stroncone

Uno: non te poi scordà lu tascapane
Due: ce porti a scorrazzà pure lu cane
Tre: lu stereo de li fiji e le pile nove
e lu mazzo de le carta pe' 'na scaletta

Quanno avrai trovato il posto pe' mette la coperta
devi sta anghi attento a non pistà la merda
c'hanno fatto lu maneggio mo

E tu bardascio non lo sai, ma me ricordo ai tempi mii
mentre magnavo lu Bondì co' la scimmietta fissa lì

Quanno è estate te spulledri, ma occhio alle serpi.
In inverno parti presto e li funghi cerchi
Co' l'amici su la neve vai a fa 'na gara.
Doni un fiore alla bardascia in primavera

e la sera cercherai nelle tasche tua
lu mazzo de chiavi che t'eri portato
no, nun l'artrovi più!

Testo di questa canzone di zannimorandi




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
BIRRA CORONA

Sono io la botte di birra Corona
io son di tutti voi signora e padrona
e sono così alcolica, son forte e scura
che farai un rotto e butti giù le mura

Sono io la botte di birra Peroni
co' 'ste birre straniere non mi roppere i coglioni
e davanti alla mia schiuma il baffo tu dovrai sporcare
e per la notte intera poi pisciare

Sei vittima d'onore del luppolo che è fermentato
e grazie al fegato nel sangue ti è filtrato
Lu giro de la panza e poi un altro ancora,
tutta la notte tu darai de fora

Canzone di Angelo Branduardi




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
ANCONA

E' notte alta e sono sveglio sennò il treno non lo piglio
Tra le coperte stavo meglio, se ci ripenso mi rispoglio
Tutto il casino fatto dalla sveglia per un diretto che mi porti a Como
E appena son salito sul sedile io... mi abbandono
E mi ritrovo ad Ancona, Ancona, Ancona
Perchè io a Falconara
ho dormito e non son sceso alla stazio-ne
ed ho perso il locale delle no-ve
Anche se prendessi un Pendolino, no
io a Como di sicuro non ci andrò

E' notte alta e sono sveglio, ho combinato un guazzabuglio
Io la distanza adesso vaglio, tornare indietro forse è meglio
Tornare indietro verso Falconara, da un contadino affitto una somara
la prendo a calci e lei invece... se fiara
E vengo via da Ancona, Ancona, Ancona
Perchè io a Falconara
ho dormito e non son sceso alla stazio-ne
ed ho perso il locale delle no-ve
Anche se prendessi un Pendolino, no
io a Como di sicuro non ci andrò

La canzone è Ancora di De Crescenzo.




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 21:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
IO VORREI NON VORREI

Fai e disfai tutto quanto da sola
e m'hai dato l'ennesima sola
Non partiamo!”, d'improvviso tagli corto
quando siamo oramai in aereoporto

Al teatro tu rinunci che ho già fatto il biglietto
... non sai se è amore o se è affetto
quello che provi per me... poretto

M'avvicino pe' datte un bacetto
Io vorrei... non vorrei”.
Cazzo vuoi???”

Ti sbatto su uno scoglio, ti dovrò legare
però dopo piglio, e te butto a mare.
Tu farai le bolle
e sciacqui della palle

Prospettiva ardita: toglierti la vita
Non avresti scampo... se tu crepi, io campo
La mia mente spazia
sembrerà disgrazia

Io rilancio: “Dai, mettiamo su casa”,
tu sei incerta tra Milano e Mombasa
Ti regalo un visone, ma mi pento,
l'ermellino è più di tuo gradimento

Poi ti mostri titubante se propongo un amplesso,
con te non riesco a far sesso
Ma te sì specchiata mai? 'Stu cesso!

Son volubile - dici - sì, lo confesso.
Io verrei... non verrei”,
Cazzo vuoi?”

Ti sbatto su uno scoglio, ti dovrò legare
però dopo piglio, e te butto a mare.
Tu farai le bolle
e sciacqui della palle

Non sei risalita, hai perso la vita
libero ritorno, domani è un altro giorno
Sei volata in alto
dalla gioia salto

Canzone di Lucio Battisti, ma le parole erano di quel simpaticaccio di Mogol.




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 19:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
27 novembre 2006
ATENEO



Trecento mila d'affitto, luce, gas e condominio
Lunedì tu prendi il trenino.
Quello solo puoi scegliere tu: F.S. o F.C.U.

A qualcuno non sembrerà strano,
il ternano ci ha già preso la mano
a emigrare per studio, si sa,
s'è fatto sempre, che ce voi fa!

Voglio andare a Perugia
solo quando c'è il derby
tanto poi chi lo vince si sa
E chi non è d'accordo
se ne annasse da Terni
non è degno di questa città

E a Perugia, quanno scenni
c'hai lu freddo e la rabbia fra i denti
paghi il bus per andare in facoltà,
lu borsone coi vestiti, e da magnà

Quando senti parlare la gente
tu capisci che non c'entri niente,
ma oramai te ce tocca sta
vento e scale, ma che cazzo de città

Voglio andare a Perugia
solo quando c'è il derby
tanto poi chi lo vince si sa
E chi non è d'accordo
se ne annasse da Terni
non è degno di questa città
Non ce l'ho coi perugini,
so' coniji, ma non so' cretini
Non so' loro che c'hanno da fa
se je lascio tutti i sordi de papà

Anche a Terni c'è cultura,
ma da sempre c'è chi ha avuto paura,
chi s'è venduto pensanno per sé
e s'è scordato lu panpepato com è

Quanno esci perito, tu te fai da 'nderculo
lu diploma in fondo cos'è?
L'Ateneo per Terni rappresenta la vita,
porta soldi, cultura e tanta fica


La canzone è L’isola che non c’è di Bennato




permalink | inviato da il 27/11/2006 alle 19:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
26 novembre 2006
BAR ACI






Ehi, bardascia, sai, mi piaci
Ce vedemo a lu Bar Aci
Ci daremo molti baci
llà lu parco dietro al Bar Aci
Tu mi guardi e tosto dici:
“Su la capoccia c'hai il bubble gum”

Angelina, zitta e taci
io ce campo a lu Bar Aci
Sì, so' tutti mezzi paci
su le paste i pappadaci
sono solo delle voci
Lo trovi aperto fino alle sei

Quanta gente a lu Bar Aci
Manca un quarto pe' le dieci
Discoteca ti dirigi
sul pedale forte pigi
E alla fine co' l'amici
lu cappuccino a lu Bar Aci

Niente froci a lu Bar Aci
mignottoni e tipi machi
i baristi son loquaci
perchè il soldo tu gli scuci
il locale de lu gnerto
lu Bar Aci sta sempre aperto

E' un giro di blues lento... fate voi




permalink | inviato da il 26/11/2006 alle 21:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 novembre 2006
BARDASCIO IO BARDASCIA TU




Era estate e stavo a Scheggino
Volemo fa 'na gita llà a Polino?
Ma tu me dici “No a Collebertone,
io prediligo Torre Maggiore”.
C'ho lu Califfo io e un Benelli tu
Bardascio io, bardascia tu.

E faccio du' panini co' la frittata
Tu voli la fettina impanata
Mia cara bardascetta famo pace,
anche se la frittata non te piace
Porto lu vino io e l'acqua tu,
Bardascio io, bardascia tu.

Poi ce fermamo a comprà 'na mela
Je devo pure mette la miscela
C'ho tutti li moschini llà la faccia
speramo che questa poi me la caccia
c'ho un callo boia non ne pozzo più
bardascia mia, sapessi tu!

Dietro la curva spunta Sant'Erasmo,
cara bardascia, non far del sarcasmo
pijo lu Califfo e torno indietro,
attenta, la miscela se chiama Pietro
e dopo come cazzo artorni giù?
Bardascio io, bardascia tu.

La canzone è di Zucchero.



permalink | inviato da il 26/11/2006 alle 21:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 novembre 2006
LA TERRA DEI CARRI



Co' 'n'aria da fate, bardasce acchittate
arrìono sparate su auto co' marmitte truccate
se passi a 'na cert'ora a San Francesco le becchi tutte

Le ville abusive su ppe' Piedimonte
so' de li padri de quelle bardasce acchittate,
che almeno potrebbero smette de tirassela

E quattro coatti dispersi qua e là
s'ardunano 'gni tantu a dimostrà
l'esistenza dei Freak... co' lu solito cric

E Terni scì, e Terni mo, e Terni tu, sì poco istruita
E Terni sa,e Terni 'nco, la fabbrica è vita
Diggerimo co' lu Viparo e lu Tiziancaffè
doppo pranzo vasche al Corso, più da fare qui non c'è
E Terni scì, e Treni ma, ce sta la partita
“Fedeli scì, Fedeli no”, la Est che grida
A un affonno de le Fere tutti quanti giù a strillà
li comannerà via etere Minciarelli capo ultrà

E Terni meno, e Terni più, corrente alternata
e luce gialla e luce blu, ce la dà la Cascata
Ma un'allarme s'arza già: “La Cascata sta a cascà”
Presto, corri Melesecche, vedi 'n bo', falla arsanà

Pi-gi-pi-gi Tr-tr-tr-tr-tr... in tutta quest'uggi
Gnè-gnè-gnè-gnè-pè-pè-pè-pè... ce incula Peruggia

Abbasso il conijo in padella, a noi ce piace la cella
C'emo i problemi irrisolti, ma qui è la Valle degli Orti
Ciriole scì, ciriole no, ciriole gnamme, la dieta ce sgarri
già ce lu sai che questa qua è la Terra dei Carri

Un panpepato in compagnia, un panpepato da soli
'na foresta de pinoli, il segreto è tuttu qua

Ausilia sciì, Ausilia no, “Ciao, bellu bardascio”
Cento lire me le dai, pe' compracce mortadell?
Sì 'nvecchiata e pe' lu corso n' je la fai a arriacce più

Tonino scì, Tonino gol!, vai tu ad allenarla...
“Ciao Maurizziè... ah, scemo a me? Ma sendi chi parla!”

Perchè la Terra dei Carri, è la Terra dei Carri
è la Terra dei Carri, è la Terra dei Carri

E non finisce qui

La canzone è di Elio.




permalink | inviato da il 26/11/2006 alle 21:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 novembre 2006
LU CANTAMAGGIO C'HA CENT'ANNI

Lu Cantamaggio c'ha cent'anni
l'honno voluto li trisnonni
ce steano poche ciminiere
tutta la conca era un cantiere
non esistevano le Fere

Lu Cantamaggio c'ha cent'anni
è annato avanti co' l'affanni
fra mijara de canzoni
e rotture de cojoni
e “se ce vonno li majoni
e se piove l'ombrello...”

... ma li Ternani
n'je frega 'n cazzo
scappano lo stesso
perchè li Ternani
c'hanno la billa

Lu Cantamaggio tra cent'anni
quanno saremo noi trisnonni
non je serviranno i cavi
che lu rimorchio ce trainavi
se farà su l'astronavi

Lu Cantamaggio tra cent'anni
festeggerassi in tutti i monni
e ce saronno li Marziani
che co' l'acciaio su le mani
faronno dono ai “Romboliani”,
che saremmo noi Ternani...

... e armetteremo maggio
all'ombra de lu faggio
usanno il laser raggio
e vai coll'atterraggio
E arriverà il mutante
procurerà il contante
presenta le serate
Ramona Dell'Abate

Le Venusiane
c'hanno l'attacco
missu pe' traverso,
ma lu Ternano,
grosso perito,
artroA sempre lu verso
se non la caccia
lui se interfaccia
entra su internette
e virtualmente,
sai,
je tocca le tette

Lu Cantamaggio c'ha cent'anni
l'honno voluto li trisnonni
ce steano poche ciminiere
tutta la conca era un cantiere
non esistevano le Fere

La canzone è quilla de Ronne




permalink | inviato da il 26/11/2006 alle 21:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 novembre 2006
FORZA FERE



Forza Fere, Forza Fere
Forza Fere, forza Ternana alè, tutta la curva

Ma che blasone, questa squadra, che blasone.
Gritti, D'Amico, Lellobello e Casone,
Ermenegildo Valle con Crivelli, Volpi e Gelli.
Noi c'emo avuto anghi Prunecchi,
zittu cunijio, che ce becchi

Forza Fere, forza Ternana alè, tuttu lu stadio

Nascon le Fere, nel '25, nascon le Fere
e quanno moro, su lu letto, le bandiere
ce piace assai più della pisella, vai Mascella
Sì, torneremo tra le grandi
tranquillo non ce stanno santi

Forza Fere, forza Ternana alè, tutta la conca

Lu gioco corto, la zona mista è de Viciani
Questo è un augurio, una speranza
la serie A non è abbastanza

Quella gioia di vincere, che forse ancor c'è

Forza Fere, forza, alè tutta la conca
Quella gioia di vincere, che forse ancor c'è

Però brindo alla vita, cantava quello.




permalink | inviato da il 26/11/2006 alle 21:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 novembre 2006
DOMENICA SPETTRALE


Domenica ti porterò sul lago,
ti legherò le mani con lo spago,
faremo un giro in barca, vedremo i paperoni,
ma non me devi roppe li cojoni

Sapessi amore mio come mi piace
vederti rosolare sulla brace,
guardare sgocciolare i granuli di lonza
e poi pensare: “Guarda che gran stronza!”.

Ma che domenica spettrale, la domenica con te,
ogni tanto sganci un rotto, poi me pisci sul cappotto,
tu sì brutta come un tasso, resta lì nun fa un passo

Che meraviglia stare sotto il sole,
io remo per spostare la tua mole,
hai voglia di ruzzare, potresti anche cadere
e addirittura il lago prosciugare

amore mio che fame impressionante
c'hai un appetito come un elefante,
te magni il salamino, poi occhi la cicogna,
se te la pappi sei una grossa fogna.

Ma che domenica spettrale, la domenica con te,
ogni tanto sganci un rotto e ce scoppi lu canotto,
forse ce rimani sotto, mamma mia, sa che botto!

La domenica più che spettrale, secondo Fabio Concato, era bestiale



permalink | inviato da il 26/11/2006 alle 19:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio   <<  1 | 2  >>   dicembre
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte