Blog: http://ALTOFORNO.ilcannocchiale.it

VECCHIAIA MIA



Sento la nostalgia del passato
mentre il presente già me so' scordato
rivedo ancora la vecchia casa mia
ma non ritrovo la strada de quella do' vivo da 20 anni in qua

Vecchiaia mia un di' ero un fiore
me so' ridotto col mal de core
e se ripenso ch'ero un atleta
vorrebbe smette tutta 'sta dieta
Vecchiaia, vecchiaia mia
io non so più che campo a fa'.

Dice il dottore che pe' la pressione
devo pijà le gocce a colazione
pe' l'asma c'ho lu spray, poi pe' l'acciacchi
faccio la ionoforesi, ma da un po' de mesi c'ho un altro problem

Vecchiaia mia tribolazione
me tocca mette lu pannolone
c'ho le giornate scandire a orario
secondo i tempi del ricettario
Vecchiaia, vecchiaia mia
io non so più che campo a fa'.

Mi fija un bel pupetto ha messo al monno
c'ha 'na gran somijanza co' lu nonno
nel viso sua me vedo rincarnato
me pare d'esse rinato pe' arcomincià il giro 80 anni de più

Vecchiaia mia io t'ho compresa
so' il primo tempo, lui è la ripresa
ma l'intervallo lasciame in dote
pe' coccolamme quistu nipote
Vecchiaia, vecchiaia mia
vengo fra un po', mo c'ho da fa'.

Questa dovrebbe esse una canzone edificante e co' la morale. Da cantà su le note de
Romagna mia.

Pubblicato il 2/11/2008 alle 7.8 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web