Blog: http://ALTOFORNO.ilcannocchiale.it

LU MAJO



Lu lavoro me sfianca
andru che llà la banca
e ce sudo e ce piagno
se 'n ce sto co' lu cranio
'che dito me sfragno

Sai che faccio li turni
quasi tutti li giorni
e anche li straordinari
ma co' li sindacati
je busso a denari

E me ricordo mi nonno là lu bocciodromo
co' l'andri operaji e la moji a ballà
invece adesso ce stonno 'sti bardascettacci
con 'n pallone sull'erba sindedica a scorrazzà

Lu sendi il majo BUM BUM
batte il majo BUM BUM
e la città tremava le recchie sturava
E adesso BUM BUM
il majo non c'è BUM BUM
lu simbolo è in cantina, un ricordo de prima
ma c'è proprio drento de me
una gran stizza perchè
lu vojo arvedè
che va su e che poi arvene giù
una botta e poi BUM
che stiaccia un palazzo
e qualche testa de cazzo

Co' le turbine a Galleto
ecco l'acciaio forgiato
doppu lu turno de notte
quanno l'alba arrivava
mi nonno dormiva

C'emo 'na gran tradizione, e così
una capoccia a melone, ma sì
vole portare lu majo,
lui che è perugino,
la ppe la stazione

Cuscì se qualche cunijo che scende dal treno
arza la faccia per aria e se lo mette a guardà
je consijamo de staje piuttosto lontano
chè 'na lastra de lamierino po' diventà

Lu sendi il majo BUM BUM
batte il majo BUM BUM
e la città tremava le recchie sturava
E adesso BUM BUM
il majo non c'è BUM BUM
lu simbolo è in cantina, un ricordo de prima
ma c'è proprio drento de me
una gran stizza perchè
lu vojo arvedè
che va su e arvene giù
una botta e poi BUM
che stiaccia un palazzo
e qualche testa de cazzo

La musica è quella della
canzone di Irene Grandi (che faceva anche la pornoattrice con il nome - lo ricordiamo per i più distratti - di Imene Glandi)

Pubblicato il 30/11/2008 alle 19.30 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web